[Salta al contenuto]
Filtri per Verniciatura, Filtri UTA e strumenti per trattamento Aria
AEROFEEL - Filtri per Verniciatura, Filtri UTA e strumenti per trattamento Aria

Le origini dei Dispositivi di protezione individuale moderni

Dopo le nostre considerazioni sull’utilizzo dei Dispositivi di Protezione Individuale DPI (vedi qui e qui), riteniamo importante approfondire ulteriormente quanto già detto.

Nelle attività di verniciatura, si possono verificare situazioni negative di “non salute”, in particolare se un organo viene danneggiato da un’aggressione tossica legata ai prodotti vernicianti, e se il lavoro viene svolto con modalità inadatte. Utilizzare quindi i giusti Dispositivi di Protezione Individuale è di capitale importanza.

A tale proposito, va ricordato che la salute dei verniciatori era già contemplata dal medico e scrittore italiano Bernardino Ramazzini che nel lontano 1700 con il suo trattato De morbis artificum diatriba è stato il primo ad occuparsi della salute dei lavoratori e non a caso è considerato il “fondatore” della Medicina del Lavoro.
In particolare, sul discorso della Valutazione del Rischio e dell’uso dei DPI Ramazzini scrive:

“È un’altra la causa più probabile delle malattie dei pittori: le sostanze coloranti che di continuo manipolano e respirano il minio, il cinabro e poi molte altre sostanze minerali, le sgradevoli esalazioni, attraverso le vie respiratorie, entrano nel sangue, turbano le funzioni dell’organismo provocando le malattie”.

Dunque, la ricerca della tutela della salute del verniciatore parte da molto lontano; tocca a noi, attraverso l’informazione e la formazione, far sì che il nostro lavoratore diventi un professionista attento alla tutela della propria salute e sicurezza.

Salvatore Rampinelli


Dispositivi di protezione individuale per processi di verniciatura in vendita su AEROFEEL

Dispositivi di protezione individuale in verniciatura

Abbiamo già trattato di Dispositivi di Protezione Individuale in verniciatura, ma reputo opportuno fare qualche ulteriore considerazione su tale argomento.
I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) sono per definizione “qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza e la salute durante il lavoro…”.
Visto che nelle cabine di verniciatura ove opera il nostro lavoratore, dopo aver effettuato un’attenta analisi dei rischi, rimane comunque un rischio residuale, l’utilizzo dei DPI diviene indispensabile.

Quindi nella loro scelta, occorre tener conto di alcuni fattori quali ad esempio:
l’idoneità alla protezione dai fattori di rischio, l’affidabilità, la semplicità d’uso, il gradimento da parte dei lavoratori, i fattori ergonomici, l’adattabilità del protettore ecc.

Sarà quindi fondamentale controllare ed esigere dal costruttore o dal commerciante dei DPI:

  • le caratteristiche costruttive
  • le certificazioni
  • i collaudi
  • le omologazioni
  • le documentazioni.

Bisogna ricordare che i Dispositivi di Protezione Individuale rappresentano le misure estreme di sicurezza dove le altre misure organizzative e gestionali non sono realizzabili, e sono trattati in modo diffuso in tutto il D.Lgs.81/2008, Testo Unico sulla sicurezza, ed in particolare nel Titolo III “Uso delle attrezzature di lavoro e dei Dispositivi di Protezione Individuale”.
Queste semplici considerazioni dovrebbero bastare per far riflettere quanto sia importante la scelta giusta di un otoprotettore o di una maschera per il verniciatore.
Bisogna ricordare inoltre che i DPI utilizzati devono essere elencati nel documento di valutazione dei rischi.

Continua……

Salvatore Rampinelli


Dispositivi di protezione individuale per processi di verniciatura in vendita su AEROFEEL

A proposito dei Dispositivi di Protezione Individuale

Spesso capita che entrando nel reparto verniciatura di un terzista, ma anche in aziende che producono manufatti che devono essere verniciati, (carpenterie, aziende metalmeccaniche, ecc.) ci si trovi di fronte a condizioni di lavoro ancora molto lontane da uno standard accettabile, rispetto alla sicurezza e salute degli operatori addetti a tale reparto.
Bisogna ricordare che, ove non è possibile tutelare la sicurezza e la salute con mezzi tecnici adeguati, bisogna impiegare i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) che vengono utilizzati dagli operatori.

Dall’esperienza “sul campo” si è potuto accertare che, anche se con motivazioni diverse, vi è ancora molto disinteresse all’utilizzo dei DPI, e ciò per gravi responsabilità da parte del datore di lavoro, ma spesso anche da parte dei lavoratori.
Nello specifico della verniciatura, basterebbe attenersi alle indicazioni che compaiono sulla scheda di sicurezza dei prodotti vernicianti per capire quanto i DPI siano importanti.
Nella manipolazione e utilizzo dei prodotti vernicianti, i DPI devono salvaguardare dal contatto tutto il corpo, quindi è necessario impiegare tute impermeabili traspiranti, copricapo, occhiali protettivi, guanti, ecc.
Per quanto riguarda la protezione delle vie respiratorie, è normalmente sufficiente ricorrere a semimaschere con cartucce e filtri combinati, da sostituire rispettando rigorosamente le indicazioni del produttore.
Per situazioni particolari, si può ricorrere a caschi alimentati con aria pulita.

Una volta terminato l’uso, i DPI personali vanno riposti e custoditi in luoghi igienicamente protetti.

Con l’entrata in vigore del D.Lgs.81/2008 oggi è il preposto che, ai sensi dell’art.19, comma1, lettera a, deve “sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti”. Tale inosservanza è sanzionata con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda da 200 a 600 Euro.
Dal loro canto i lavoratori, ai sensi dell’art.20, comma 2, lettera d (D.Lgs 81/08) devono “utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione”.
L’inosservanza è sanzionata con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda da 200 a 500 €.
L’obbligo dei lavoratori è inoltre quello di provvedere alla cura dei DPI messi a loro disposizione e di non apportare alcuna modifica agli stessi.

Tra l’altro, nella scelta dei DPI, bisogna tenere conto delle esigenze ergonomiche e di salute del lavoratore, e prevedere che possano essere adattati al singolo utilizzatore, secondo le sue esigenze.

Bastano a volte pochi accorgimenti per rendere sicuro il lavoro del verniciatore, che deve essere il primo a dimostrare una cultura della sicurezza che garantisca la propria e altrui incolumità, e deve collaborare con il preposto per rendere più sicuro il posto di lavoro.

Ad esempio, bisogna ricordare al capo che in prossimità delle aree di verniciatura è opportuno predisporre docce oculari, debitamente segnalate, e che gli armadietti per i verniciatori devono essere del tipo “a doppio scomparto”, per separare fisicamente gli indumenti civili dagli indumenti da lavoro.

C’è ancora molto da fare…….
Salvatore Rampinelli


Dispositivi di protezione individuale per processi di verniciatura in vendita su AEROFEEL

Potresti essere interessato a…

Iscriviti alla newsletter di AEROFEEL e scopri nuovi prodotti, sconti e offerte! Iscriviti

arrow_upward
Oops! Sembra che hai disattivato JavaScript. Per vedere questa pagina correttamente, si prega di riabilitare JavaScript!
Save & Share Cart
Your Shopping Cart will be saved and you'll be given a link. You, or anyone with the link, can use it to retrieve your Cart at any time.
Back Save & Share Cart
Your Shopping Cart will be saved with Product pictures and information, and Cart Totals. Then send it to yourself, or a friend, with a link to retrieve it at any time.
Your cart email sent successfully :)